Le mani sul nuovo oro

Sete

Alberto riva, Mondadori Milano 2011;

pag. 468, 15,90

Sdownloadoldi, potere e verità. Tutti abbiamo sete di qualcosa”. La frase campeggia sulla copertina del romanzo di Alberto Riva, riassumendo l’essenza si questo avvincente racconto che gira attorno alla lotta per il dominio del bene più prezioso: l’acqua. Ambientato in un Brasile frammentato tra la povertà  delle assolate campagne e l’ascesa economica delle grandi città di grattaceli, “Sete” mette in contrapposizione il coinvolgente intreccio di interessi di una influente famiglia brasiliana e di un temibile uomo d’affari dal passato misterioso. Dall’altra parte un brillante attivista di una ONG e un giovane biochimico di talento tentano insieme di scoprire cosa si celi dietro l’inspiegabile composizione chimica del fiume Sao Francisco, che semina morte e deformazioni fra le terre bagnate delle sue acque.